Newsletter del 28/05/2020 Archivio Newsletter
FINANZA LOCALE
L'ASSUNZIONE DI PERSONALE CAUSA DANNO ERARIALE IN CARENZA DELL'APPROVAZIONE DEL BILANCIO NEI TERMINI PREVISTI - Corte dei Conti Marche snt. n. 41/2020.
La sentenza della CdC Marche prende le fila dalla contestazione ai dirigenti comunali competenti, da parte delle Procura regionale e inerente 35 assunzioni a tempo determinato disposte con provvedimento dirigenziale, in assenza però dell'approvazione del bilancio, entro il termine fissato al 30 settembre di ogni anno dall'articolo 151, comma 8, del Tuel. La Procura regionale ha pertanto sostenuto che le assunzioni siano state effettuate in violazione del divieto posto dal legislatore all'art. 9.1 quinquies del D.L. n. 113/2016, quantificando un danno erariale pari alle retribuzioni erogate al predetto personale dalla data dell'assunzione fino alla data di avvenuta approvazione del bilancio consolidato per il 2016 . I responsabili, costituiti in giudizio, hanno sostenuto tra le varie ragioni in propria difesa che la programmazione delle assunzioni era piuttosto risalente e il servizio che legittimava le assunzioni era necessario all'ente; esso inoltre prevedeva il versamento di rette da parte degli utenti e quindi non configurava un danno per l'ente. La Corte fa eco alla norma ribadendo che per gli enti ricorre un preciso divieto di assunzione in assenza della regolarità degli adempimenti contabili, divieto riguardante anche i contratti di servizio. Il mancato rispetto del termine di approvazione del bilancio genera il blocco delle risorse fino al momento della tardiva approvazione, pertanto tali risorse non possono essere impiegate; La più recente giurisprudenza, nei casi di questo tipo, ha inibito anche la possibilità di effettuare un comando. La Corte ha confermato la sanzione benché mitigata dall'evidente necessarietà del servizio offerto.
PERSONALE E ORGANIZZAZIONE
NUOVE CHANCE PER IL COMUNE NELLE SCELTE ASSUNZIONALI - Corte dei Conti sez. contr. Emilia Romagna Deliberazione n. 32 del 4 maggio 2020/PAR-
La magistratura contabile conferma un nuovo orientamento delineato dall'art.33 del Dl 34 del 2019 volto a superare il concetto da anni radicato della neutralità della mobilità. Attraverso la richiesta di parere effettuata da un comune la Corte ripercorre e supera, grazie al nuovo impianto normativo, le regole che governano i limiti assunzionali. Il 27 aprile u.s. la circolare del Ministro per la Pubblica Amministrazione, dell'Economia e delle Finanze e dell'Interno, aveva chiarito le novità introdotte dal "Decreto Crescita" relative alle facoltà assunzionali dei Comuni, prevedendo il superamento delle regole fondate sul turn-over e l'introduzione di un sistema maggiormente flessibile, basato sulla sostenibilità finanziaria della spesa di personale. Nel suo primo parere sulle nuove regole delle assunzioni la Corte dei Conti afferma che le assunzioni del personale a tempo indeterminato degli enti, verranno decise da un sistema di virtuosità dell'equilibrio finanziario. Pertanto il parametro individuato, in coerenza con i piani triennali dei fabbisogni di personale, non fa più riferimento ad un «limite di spesa», ma la spesa totale del personale dipendente resta inferiore al valore soglia definito come percentuale, diversa a seconda della fascia demografica, della media delle entrate correnti relative agli ultimi tre rendiconti approvati, considerate al netto del fondo crediti dubbia esigibilità stanziato nel bilancio di previsione. Tale sistema sembra garantire una maggiore autonomia e responsabilità dell'ente nelle scelte relative alle dinamiche assunzionali. Si apre per il comune una maggiore possibilità di scelta tra lo svolgimento di una procedura concorsuale o una mobilità in entrata con lo sguardo fisso ai parametri finanziari.
I documenti in evidenza
Sentenze e Pareri
Documenti Anci-Ancitel
Regolamenti
Normativa
Circolari, Risoluzioni e Delibere

Servizio gratuito offerto da Ancitel - la rete dei Comuni italiani - Marchio in licenza d'uso a Anci Digitale SpA
Per accedere ai documenti occorre utilizzare i codici dei Servizi di Base
Se hai ricevuto questa email per errore o desideri essere rimosso dalla nostra mailing list inviaci un messaggio email.